In giro per le Langhe

C’è qualcosa di molto rassicurante nel constatare di essere sempre in grado di viaggiare, nonostante i figli piccoli al seguito.

Certo, ci sono alcune qualità che è necessario tirare fuori, per bilanciare sanità di corpo e di mente.

Bisogna essere creativi.

Quando i chilometri da macinare sono parecchi, e la prole al seguito non apprezza la macchina, inventare storie di castelli popolati da principesse e streghe, può essere una buona strada da percorrere.

Bisogna essere elastici.

Se entrando nell’appartamento high tech prenotato su Internet con spa inclusa e soppalchi a vista, scale senza scorrimano e ascensore per raggiungere le camere da letto, invece di farsi prendere dal panico immaginando scenari catastrofici di voli e annegamenti, è auspicabile muovere il mobilio in stile afgano e coprire i buchi fatali onde evitare di perdere qualche anno di vita.

Bisogna essere rassegnati.

Che si può cambiare regione, casa, scenario, ma sempre ai fornelli si deve tornare; tirando fuori in stile transfughi, il borsone con passata, zucchini e aglio inventando un piatto italico da far stupire il pubblico americano.

Bisogna essere pazienti.

Perché se ti capita di viaggiare coi nonni, le scale a strapiombo, le ore in macchina, gli anni che avanzano, diventano motivo di dispute famigliari e bisogna accettare che il numero dei bambini nel gruppo alle volte aumenta con la stanchezza.

Bisogna essere realistici.

I viaggi con lo zaino in spalla, anche se lo zaino è sempre lo stesso, sono finiti. Perché puoi pure portarti lo zaino e le scarpe da ginnastica, la cheffia e la guida della Lonely Planet, ma l’extra bagaglio che a ogni tre per due grida: “Mamma”, non è affare da poco.

E bisogna essere grati.

Grati di non dover più dormire in quelle bettole con bagno in comune, e la puzza dell’inglese  nella camera a fianco, e di non dover mangiare tonno in scatola per due settimane.

C’è qualcosa di molto rassicurante nell’immergersi in una jacuzzi tre per tre, che comincia dal gustare il piacere del cambiamento.

Leave a Comment