Carriera e famiglia: gli uomini sono i privilegiati?

simonetta rossi carriera o famiglia

A. lavorava da tredici anni in uno dei teatri lirici più prestigiosi d’Italia ed ogni anno le  rinnovavano il contratto di lavoro a seconda del programma stagionale.

Dopo la nascita del suo primo figlio, l’ufficio del personale non le ha negato il posto precario in palcoscenico, ma non ha nemmeno cercato una soluzione alternativa ai tre turni che avrebbe dovuto continuare a lavorare. Con un neonato di pochi mesi da allattare, scegliere di non tornare dal lavoro all’una di notte dopo la fine dello spettacolo, diventa una decisione obbligata.

Come A. ci sono molte donne che pur amando il proprio lavoro sono costrette a scegliere diversamente una volta arrivate al biblico bivio: lavoro o famiglia.

E’ possibile per le donne avere entrambi?

Ma questa, è storia vecchia, anche un pizzico banale. Perché volendo guardare le cose da una prospettiva diversa, anche gli uomini, tutto sommato, non sembrano avercela così rose e fiori.

Continua la lettura (magari cliccando MI PIACE sul post) sull’Huffington Post.

 

Leave a Comment