Rave party in famiglia

Metti una notte in casa mia e la Love Parade, l’Heineken Jammin Festival o  un concerto dei Metallica non sono niente a confronto…

Ore 23:30

Nel sonno più profondo, quando i suoni esterni entrano di prepotenza nella trama del sogno modificandolo a seconda, sento in lontananza un rumore sordo nella notte. Non segue pianto alcuno, l’unico suono a cui sono interessata, perciò giro lato e continuo a dormire.  Cinque minuti più tardi a un altro tonfo sordo questa volta segue un pianto lamentoso. Non ci sono dubbi. Mia figlia è caduta dal letto a castello.

Corro di là. La trovo riversa per terra, confusa e dolorante.  Non è un’allucinazione da rave, piuttosto il risultato del suo angelo custode che l’ha trattenuta in volo, perché a parte qualche graffio e livido di piccola entità non ha niente. E’ caduta da quasi due metri di altezza, a peso morto, e non si è fatta niente.

ll party può dunque continuare…

Ore 02.00

Il rumore che proviene dalla cameretta è inconfondibile. Ci si abitua in un attimo anche ai suoni più recenti. Il piccolo nano reclama cibo, buon latte emiliano. Dopo doppia razione, si torna a letto.

Ore 05.30

Vedi come sopra. L’unica variante è che in un attimo di debolezza che sempre mi prende verso la fine del rave, lascio che il nano resti con noi in mezzo al letto. Non potrei sopportare ulteriori risvegli o peggio, pianti. Così mi becco le sue grufolate in HD con sistema Dolby Surround.

Ore 06:30

Le grufolate continuano più insistenti, ci vuole ruttino e massaggino per calmare il festante.

Ore 06:45

Incursione della mezzana. Così, giusto per ricordare che anche lei è stata invitata al party.

Ore 07:00

“Papà, ho fatto la pipì a letto”. Ovviamente in quello della sorella senza traversa.

E’ giorno ormai, la luce entra nella camera. Il nano dorme della grossa, il party lo ha spossato. Le altre due invece sono arzille e già chiedono se potranno vestirsi da ‘ballerine’ per andare a scuola.

La festa è finita ma ricomincerà nello stesso posto, alla stessa ora, fra circa dodici ore.

 

Leave a Comment