Chi ha paura dell’uomo nero?

Non passa giorno in cui non mi preoccupi del benessere dei miei figli, sia questo per ragioni reali o frutto del mio peregrinare mentale.

Quando si nascondono tra le corsie del supermercato, o attraversano la strada con troppa imprudenza, quando si confondono tra i bagnanti in spiaggia o si nascondono dentro le casette dei parchi giochi. In quegli attimi, minuti interminabili, un morso allo stomaco mi ricorda che basterebbe un attimo per cambiare tutto, per sempre.

Continua la lettura sul sito de Il fatto Quotidiano

Leave a Comment