Posto ergo sum. Ovvero, la trasgressione è più bella se condivisa

Dieci anni fa, in vacanza in Salento, mi ritrovai nell’imbarazzante circostanza di dover interrompere un paio di coppie (in due location diverse!) occupate in quel che di solito si fa in camera da letto. “Ammazza che aria”, dissi tra me e me, sentendomi un po’ come la signora del film Harry ti presento Sally quando ordina al cameriere “quello che ha preso la signorina” riferendosi all’orgasmo finto da Meg Ryan.

Continua la lettura sul sito de Il fatto quotidiano

Leave a Comment