Vintage o tecnologici: come vi piace viaggiare?

Un mese fa scorrazzavo sudata e beata per le strade sudicie diBangkok. La città è un allegro caos, una rappresentazione animata da esaminare dal vivo senza perdersi un colpo, sporcandosi mani e piedi e respirando l’atmosfera festante. Wok colmi di noodles e zenzero, fiamme altissime che lambiscono il cielo su fornelli a gas improvvisati, venditori di scorpioni e abiti da uomo su misura, fricchettoni mai più rimpatriati, abili truffatori in cerca di polli da spennare. Impossibile distrarsi a Bangkok. Eppure sui tuk tuk – una sorta di Ape Piaggio in salsa tailandese usata come taxi – non era raro vedere turisti annoiati, distesi sul retro, che anziché tendere il naso al mondo sfrigolante lo tendevano alla mano e al telefono. A Bangkok??

Continua la lettura sul sito del Fatto quotidiano

Leave a Comment