Sante o zoccole? La dicotomia dura a morire

Ci è voluto un po’ prima che me ne rendessi conto. Solo dopo l’ennesimo episodio in cui qualcuno (uomo ovviamente) mi parlava di qualcun’altra (donna ovviamente), ritraendo la protagonista in base ai suoi appetiti sessuali, ho finalmente capito.

Saltando dall’evergreen “se li è passati tutti” al più sofisticato“ha fatto da nave scuola a tutta la squadra di calcio”, passando dal più esplicito “è una zoccola” ai consueti sottesi di moglie fedifraga di marito beone, il glossario per descrivere un certo tipo di donna è succoso quanto un’anguria d’estate.

Continua la lettura sul sito del Fatto quotidiano

Leave a Comment