Il mondo visto da una marziana senza smartphone

Non avere uno smartphone nel 2017 è come trovarsi a una festa dove sono tutti ubriachi tranne te, è come iscriversi a una lezione di balli latinoamericani ed essere l’unica fuori tempo. I movimenti del tuo corpo e la scelta della tua comunicazione scorrono su un canale diverso, su un binario morto.

Per certi versi è una posizione privilegiata perché ci si affaccia al mondo da una finestra nascosta, un falso specchio dove tutti gli altri – affaccendati con il naso all’ingiù – ignorano la tua presenza.

Continua la lettura sul sito del Fatto quotidiano

2 thoughts on “Il mondo visto da una marziana senza smartphone

  1. Shan

    ..ho letto “Il mondo visto da una marziana senza smartphone”..
    ..osservi quello che osservo..vedi quello che vedo..
    percepisci quello che percepisco..
    il tuo pensiero è come il mio..ma tu lo hai tradotto in parole..
    ..io sono troppo pigro per questo..esserne consapevole è abbastanza..
    ..tramettere ai propri figli la capacità di VEDERE oltre al RUMORE è già tanto..
    .. tuttavia, il fiume corre in quella direzione e nulla lo potrà fermare.. ma..
    quando la sua corsa arriverà al mare .. del percorso fatto .. nulla rimarrà…

    1. GIANCARLO ORLANDINI

      riflessione molto intelligente. e prima o poi sarà cosi!

Leave a Comment